Parole In Spagnolo Belle, Sanzioni Tardiva Registrazione Atti Privati 2020, Leggende Metropolitane Film, Esercizi Resa Percentuale Pdf, Foglie Con Macchie Gialle, Calcolo Imu/tasi 2015 Comune Di Roma, Ci Esco Ma Non Mi Piace, Preghiera Di Lode Sulla Mitezza, Pupazzo Dragon Trainer Grande, Terra, Acqua, Aria Zanichelli Ppt, Camping La Pineta, Porto Recanati Recensioni, Esercizi Congiuntivo Pdf, Serie Netflix Streghe, Cane Anziano Cammina In Cerchio, Quanto Costa Un Corso Di Canto, Doctor Who Streaming Revolution Of The Daleks, Ristoranti Franciacorta 4 Ristoranti, " />

Browse By

mi posso licenziare se sono in malattia

La Cassazione ha fornito una risposta negativa alla questione [2]: le dimissioni per malattia non possono essere considerate rassegnate per giusta causa, in quanto il dipendente non è obbligato a recarsi al lavoro, ma può assentarsi con diritto alla retribuzione. bravo, stai tranquillo che non se lo lasciano scappare per 4 mesi di malattia vera e giustificata. Ci deve essere, sul punto, una specifica richiesta del dipendente. Ebbene, in Italia – a differenza di quanto succede all’estero – per il datore di lavoro non è così semplice licenziare un lavoratore “solo” perché è pigro, si assenta troppo e non fa come dovrebbe il suo dovere o, nei casi meno gravi, perché è più lento e quindi meno produttivo degli altri. In buona sostanza, questo significa che non si può licenziare il lavoratore malato proprio a causa della sua malattia e dell’assenza protratta. [3] Cass. I giorni di malattia, di cui stò usufruendo, mi sono stati certificati, dalla locale e competente Commissione Medica Ospedaliera dell'Ospedale Militare di Chieti. sent. n. 26676/2017. Il periodo di comporto può essere interrotto per effetto della richiesta del lavoratore di godere delle ferie maturate. Ti ho scritto solo per dirti che mi spiace per la tua depressione. n. 12592/16 del 17.06.16. Quanto esposto vale anche per il lavoratore? Si pensi, a tal proposito, al caso del dipendente in malattia che non si fa puntualmente trovare a casa al momento delle visite fiscali del medico Inps. Quando un lavoratore si ammala ha diritto all’indennità di malattia, previo il rispetto di determinati doveri.Come noto, infatti, il dipendente deve comunicare al datore di lavoro l’assenza, richiedere il certificato medico che attesta lo stato di malattia e rispettare la … La risoluzione consensuale durante la malattia, difatti, non è vietata. Email (obbligatoria se vuoi ricevere le notifiche), Notificami quando viene aggiunto un nuovo commento. Il periodo di comporto può essere interrotto dalla richiesta del lavoratore di godere delle ferie già maturate. Insomma, anche se il lavoratore non ha ancora esaurito tutti i giorni di malattia consentitigli dal suo Ccnl a titolo di comporto, può ugualmente essere mandato a casa qualora la sua attività integri uno scarso rendimento. L’arco temporale di riferimento per calcolare il periodo di comporto può essere l’anno di calendario o l’anno solare, in base a quanto previsto dai contratti collettivi: La durata del comporto per gli impiegati è fissata dalla legge ed è di: Per gli operai, invece, la durata del periodo di comporto è stabilita dalla contrattazione collettiva. E allora ci si domanda è possibile licenziare un dipendente che non produce e la cui efficienza non risponda ai livelli di redditività richiesti? IL dipendente malato ha difatti la possibilità di assentarsi senza perdere la retribuzione, ma con diritto a un’indennità che, a seconda dei casi, può risultare a carico del datore di lavoro o dell’Inps. Il preavviso non è dovuto solo nell’ipotesi in cui le dimissioni siano considerate per giusta causa. | © Riproduzione riservata Sintetizzando quanto detto sin ora, si può licenziare il dipendente in malattia solo nei seguenti casi: Ultimamente, la giurisprudenza si è aperta a considerare valido il licenziamento, ancor prima del superamento del comporto, quando la prestazione del dipendente diventa sporadica e occasionale, finendo anzi per arrecare un danno al datore. Peraltro, durante la malattia è sospeso non solo il periodo di preavviso per licenziamento, ma anche il preavviso per dimissioni. Come anticipato, il datore di lavoro intenzionato a licenziare un dipendente pigro, lento e poco produttivo dovrà dimostrarne lo scarso rendimento. In buona sostanza, perché il preavviso “riparta” non è necessario attendere la data di fine prognosi indicata nel certificato medico, se questa è successiva al termine del periodo di conservazione del posto. Classificazione. È un po’ come se, una volta assunto (soprattutto se a tempo indeterminato), il lavoratore non possa essere più licenziato o comunque sia estremamente difficile farlo. Quindi mi posso licenziare se non mi trovo bene? >Cosa sono >Il preavviso e le dimissioni per giusta causa >Le dimissioni in bianco >Modalità telematica per le dimissioni a partire dal 12 marzo 2016 . Cosa sono. Auguri! Ma procediamo con ordine e vediamo quando si può licenziare il dipendente in malattia e tutto quello che c’è da sapere al riguardo. A questo proposito, bisogna osservare che la malattia non integra una giusta causa di dimissioni, per quanto la patologia possa essere grave. La Legge per Tutti Srl - Sede Legale Via Francesco de Francesco, 1 - 87100 COSENZA | CF/P.IVA 03285950782 | Numero Rea CS-224487 | Capitale Sociale € 70.000 i.v. Attenzione, però: il datore di lavoro deve sì tenere in considerazione l’interesse del lavoratore al posto di lavoro, ma non ha l’obbligo di convertire d’ufficio l’assenza per malattia in ferie se non è lo stesso dipendente malato a chiederglielo. Le domande frequenti sono: se ci si può licenziare durante il periodo di malattia o attendere il rientro in azienda e poi rassegnare le dimissioni. In altre parole, ti stai domandando «sono in malattia: posso licenziarmi»? Sia la proroga che il rinnovo devono essere firmati dal lavoratore: senza il consenso del dipendente, il datore non può spostare il termine del contratto. n. 18317/2016; Cass., sent. Mi possono licenziare se sono incinta?? Infatti, se sono individuabili dei parametri per accertare che la prestazione del lavoratore sia eseguita con diligenza e professionalità medie, il discostamento da questi parametri può costituire segno o indice di non esatta esecuzione della prestazione. Ed infatti, complice la crisi economica e la modernizzazione del mondo del lavoro, anche la giurisprudenza ha rivisto le proprie posizioni di ferrea difesa nei confronti dei dipendenti, e ciò anche per restituire competitività alle nostre aziende, tagliate spesso fuori dal mercato internazionale. Se a ciò si aggiunge anche la “strategia” del dipendente nel collezionare assenze e presenze, allora – con buone probabilità – scatterà il licenziamento. Il lavoratore che vuole evitare il licenziamento per troppe assenze a causa di malattia, dunque, può chiedere di usare i giorni di ferie già maturate. Come anticipato, l’azienda deve conservare il posto di lavoro del dipendente in malattia, nei limiti di un periodo stabilito dalla legge, dai contratti collettivi o, in mancanza, dagli usi. Anticipatamente, La si ringrazia. 5 risposte. Lo scarso rendimento, inoltre, deve essere imputabile al lavoratore, di modo che si possa escludere che lo stesso sia determinato da fattori organizzativi o socio-ambientali dell’impresa stessa. La malattia, ad ogni modo, sospende il preavviso nei limiti del periodo di comporto. Sono in malattia dal 25 gennaio.Quando ho chiesto che mi venga pagata la malattia mi hanno detto che non me la danno per problemi con l'INPS. mi posso licenziare se sono in malattia? E anche se le dimissioni per malattie rientrano nelle dimissioni per giusta causa, e se bisogna dare il periodo di preavviso stabilito del contratto collettivo e infine se … L’assenza per malattia non può protrarsi all’infinito, ma per un periodo di tempo massimo che di norma è stabilito dai contratti collettivi. Risposta preferita. Questo comporta, di fatto, l’impossibilità di dimettersi con effetto immediato durante la malattia, a meno che non si corrisponda al datore l’indennità per mancato preavviso. In linea di principio, dunque, la legge vieta il licenziamento del dipendente in malattia. Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato. Il licenziamento conseguente, ascrivibile tra quelli per giustificato motivo soggettivo, è il risultato di un comportamento continuo e recidivo, più volte contestato. L’azienda deve conservare il posto di lavoro del dipendente in malattia, nei limiti di un determinato periodo di tempo (cosiddetto «comporto»).In linea di principio, dunque, la legge vieta il licenziamento del dipendente in malattia.Come per ogni regola però, ci sono delle eccezioni, che in questo caso sono essenzialmente due. Pensiamo, ad esempio, a tutti quei casi in cui l’azienda occupi pochissimi dipendenti (5-6 lavoratori) e l’assenza protratta di uno di loro comporti un grave danno alla produzione aziendale. cooperativa. superamento del periodo massimo di assenza (. Il dipendente potrà legittimamente essere licenziato per scarso rendimento se raggiunge risultati inferiori rispetto alla media delle prestazioni rese dai lavoratori con la stessa qualifica e le stesse mansioni, indipendentemente dagli obiettivi minimi fissati. Cass., sent. Sono stato assunto il 1 gennaio 2011 oggi e' il 31/05 con un contratto collettivo nazionale a tempo indeterminato soc. Ci sono tuttavia delle eccezioni, vediamo quali. Sarà, inoltre, necessario valutare il comportamento del lavoratore lungo un determinato arco temporale e non in relazione ad un singolo episodio (o a sporadici casi) di sotto-rendimento. Rispondi Salva. Ecco cos’ha detto la Suprema Corte al riguardo. Nella suddetta ipotesi il licenziamento per malattia è giustificato dallo scarso ren… sent. Le dimissioni sono un atto unilaterale (che quindi non necessita che il datore di lavoro sia consenziente) del lavoratore con il quale questi comunica al datore di lavoro che non intende proseguire il rapporto di lavoro. Voleva licenziare la badante della mamma, ma mi ha chiamato perché non si fidava di quanto gli stava consigliando un patronato. Sul punto, allora, un interrogativo sorge spontaneo: si può interrompere il periodo di comporto? Un comportamento che, se non episodico e valutabile per un apprezzabile periodo di tempo, può rendere legittimo il licenziamento. Il dipendente ha la possibilità di rassegnare le dimissioni durante un periodo di assenza per malattia, oppure deve attendere la guarigione? Email (obbligatoria se vuoi ricevere le notifiche), Notificami quando viene aggiunto un nuovo commento. Il comporto è un arco temporale superato il quale l’azienda può licenziare il dipendente. La scarsa produttività del lavoratore e le troppe assenze, quindi,  possono giustificare il licenziamento per scarso rendimento. Ecco quali sono. Il 13 maggio ho avuto un incidente mentre che tornavo dal lavoro e a tuttoggi sono gia' da 19 giorni che sono in malattia e ne avro' per altri 7/10 giorni di malattia. Fonte: legge per tutti Assolto l’obbligo della reperibilità, il dipendente può uscire di casa a condizione che non aggravi la malattia e non pregiudichi la guarigione. In tal caso, se il medico incaricato dall’INPS non conferma lo stato di malattia il dipendente deve rientrare anticipatamente a lavoro; se non lo fa è a tutti gli effetti un assente ingiustificato e perde il diritto all’intero trattamento economico previsto per i primi 10 giorni di assenza. "La Legge per Tutti" è una testata giornalistica fondata dall'avv. Milano, sent. Ciao a tutti. Attenzione: è sempre il datore di lavoro che dovrà dimostrare l’inadempimento notevole degli obblighi assunti, vale a dire lo scarso rendimento. Ed infatti, solo in due casi si può licenziare il dipendente per malattia: La prima causa, detta «superamento del comporto», trova nella legge una previsione espressa; la seconda, invece, è frutto della recente interpretazione dei giudici. Monica M. 1 decennio fa. Queste ultime, infatti, secondo la giurisprudenza possono integrare la fattispecie dello scarso rendimento allorché le stesse, pur se incolpevoli, rendano la prestazione non più utile per il datore di lavoro, incidendo negativamente sulla produzione aziendale e sulle esigenze organizzative e funzionali dell’impresa [3].

Parole In Spagnolo Belle, Sanzioni Tardiva Registrazione Atti Privati 2020, Leggende Metropolitane Film, Esercizi Resa Percentuale Pdf, Foglie Con Macchie Gialle, Calcolo Imu/tasi 2015 Comune Di Roma, Ci Esco Ma Non Mi Piace, Preghiera Di Lode Sulla Mitezza, Pupazzo Dragon Trainer Grande, Terra, Acqua, Aria Zanichelli Ppt, Camping La Pineta, Porto Recanati Recensioni, Esercizi Congiuntivo Pdf, Serie Netflix Streghe, Cane Anziano Cammina In Cerchio, Quanto Costa Un Corso Di Canto, Doctor Who Streaming Revolution Of The Daleks, Ristoranti Franciacorta 4 Ristoranti,

Share Button